A. Il pensiero
Scheda 14 - La questione sociale è diventata radicalmente questione antropologica
graphic
La seconda parte del capitolo VI plana su un tema cruciale, la bioetica, per estendersi sul necessario supporto che è l’anima dell’uomo e la dimensione spirituale della vita.
1. - “Campo primario e cruciale della lotta culturale tra l’assolutismo della tecnicità e la responsabilità morale dell’uomo è oggi quello della bioetica”. Emerge la “questione fondamentale se l’uomo sia prodotto da se stesso o se egli dipenda da Dio”, la scelta tra“ la ragione aperta alla trascendenza o quella chiusa nell’immanenza”. Qui sta il pericolo: ”Attratta dal puro fare tecnico, la ragione senza le fede è destinata a perdersi nell’illusione della propri onnipotenza. La fede senza la ragione, rischia l’estraniamento dalla vita concreta delle persone” (n. 74).
2. - “La questione sociale è diventata radicalmente questione antropologica”, perché ne va della concezione e della manipolazione della vita. Oggi si è giunti alle sue radici, creando la “cultura del disincanto totale”, senza alcun mistero. Ne sono espressioni: un uso disordinato della fecondazione in vitro, una ricerca selvaggia sugli embrioni, la possibilità di clonazione e ibridazione umana. Dietro l’aborto ci sta in nuce una sistematica pianificazione eugenetica delle nascite, si fa strada una mens eutanasica (n.75).
3. - In nome di uno “spirito tecnicistico”, “la vita interiore” è spiegata solo “dal punto di vista psicologico fino al riduzionismo neurologico”. In verità “il problema dello sviluppo è strettamente collegato anche alla nostra concezione dell’anima dell’uomo”, la cui la salute non si riduce al benessere emotivo. “Lo sviluppo deve comprendere una crescita spirituale oltre che materiale”. Nuove forme di schiavitù della droga e la disperazione di tante persone hanno una spiegazione anche di ordine spirituale. ”Non ci sono sviluppo plenario e bene comune universale senza il bene spirituale e morale delle persone” (n. 76). “La dimensione spirituale” viene a“superare la visione materialistica degli avvenimenti umani”(n. 77).